Tsugumomo (つぐもも?) = Un anime clichè, o qualcosa un po fuori da canoni?

La pigrizia ahimè è molto forte in me.. ma dopo molto tempo ho alla fine deciso di finire un anime e di recensirlo..  la scelta è caduta per caso su Tsugumomo, un anime uscito quest’anno sul quale non avrei scommesso nemmeno una lira.

Anche sta volta, la mia previsione non poteva che essere sbagliata. Una volta iniziato, non potevo che continuare a guardarlo… tanto che me lo sono finito in una sera.

Ecco qui qualche dettaglio:

  • Tsugumomo (つぐもも)
  • Genere: Azione,  Combattimento,  Commedia,  Ecchi,  Harem, Soprannaturale
  • Anno: 2017
  • Studio: Zero-G

 

Tsugumomo-58e2b0c831b8e

Tsugumomo, anime della stagione primaverile 2017,  è un adattamento del manga dallo stesso nome. Personalmente lo ho trovato un anime interessante con una buona premessa e una storia che anche se non unica, sviluppata meglio di altri casi.

Il nome dell’anime “Tsugumomo” fa riferimento a qualcosa che effettivamente esiste all’interno della leggenda tradizionale giapponese, ovvero oggetti che dopo lunghi anni di utilizzo e affetto da parte dei suoi proprietari hanno acquisito un anime e una consapevolezza di se stessi attraverso l’uso di abilità spirituali.

Tsugumomo combina tutto ciò con la classica e tradizionale storia di esorcisti che lavorando in squadra riescono ad affrontare nemici ostili che sono stati posseduti da entità malevole.

 

La storia principale di Tsugumomo si svolge in gran parte nella città di Kamioka e nelle aree circostanti e si svolge nel periodo moderno. La storia segue la vita di Kazuya Kagami, uno studente di scuola superiore che un giorno si confronta con il fatto che l’obi che aveva ereditato da sua madre era in qualche modo diventato senziente e questo lo ha portato ad essere immerso in un mondo di spiriti e cose soprannaturali.

Tsugumomo è essenzialmente una fusione di commedia e azione derivata dalla vita quotidiana di Kazuya e dal suo ruolo di ‘esorcista’ (uso il termine esorcista per rendere più semplice capire cosa fa il protagonista).

Una cosa presente in ogni episodio che mi è piaciuta particolarmente è stata la breve introduzione del tipo nemico che viene affrontata. Queste informazioni erano molto carine da ricevere, sia per la trama della storia, sia per comprendere meglio le tradizioni spirituali giapponesi di cui la storia parla.

La storia inizia con Kazuya Kagami, il protagonista di ruolo, mediocre studente come ne abbiamo visti in tanti altri anime, che non va da nessuna parte senza l’OBI appartenuto alla deceduta madre. Un giorno, dopo esser stato attaccato a scuola da uno spirito malvagio, viene salvato da Kiriha, uno Tsugumomo, che non è altro che lo stesso OBI di sua madre.

Particolare nota secondo me va ai personaggi che, nonostante il genere di anime e quindi i classici stereotipi presenti, la loli, la sorella maggiore incestuosa, l’amica d’infanzia innamorata del protagonista, i compagni di classe nerd e playboy, la ragazza fredda dal fisico estremo, ecc…  sono comunque tutti ben caratterizzati, e lo stereotipo non diventa esagerato come in altri casi.

Che dire, come storia non è il massimo, ma i personaggi e i combattimenti sono carucci da vedere, e l’anime scorre bene.. come voto potrei dargli un 7,5.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...