Senjou no Valkyria: Valkyria Chronicles – Carri armati, lance e scudi

  • Titoli: Senjou no Valkyria: Valkyria Chronicles – 戦場のヴァルキュリア
  • Genere: MilitareRomanticoFantasy
  • Anno: Primavera 2009
  • Produttore: Aniplex A-1 Pictures
  • I miei tre personaggi preferiti:
    • Isara Gunther, Darcsen, sorella del protagonista e guida l’Edelweiss
    • Faldio, un tipo apposto che in un modo o nell’altro fa sempre le scelte giuste
    • Marina, la cecchina apatica!
  • I miei tre personaggi più odiati:
    • Welkin, come spesso accade il protagonista maschile è inguardabile
    • Alicia, estremamente petulante nell’anime (era così anche nel gioco?)
    • Georg von Damon, il generale dell’esercito di Gallia, sparate a quest uomo.
  • Voto: 6

Questo titolo è ispirato ad un videogioco, o dovrei forse dire ad una serie di videogiochi. Io ho avuto tra le mani solo il terzo capitolo, che è quello che viene ricalcato nella trama dell’anime. Il gioco mi aveva preso abbastanza non tanto per le meccaniche (un po’ noiose e ripetitive a lungo andare), ma per il design dei personaggi e la trama. L’anime ricalca quest’ultima abbastanza fedelmente, e anche nello stile del disegno vuole richiamare il più possibile quello del videogioco.

La trama in brebve è questa, potrebbe contenere un po’ di spoiler quindi fate attenzione! La Gallia è un territorio neutrale che viene invasa dall’Impero per via dei suoi ricchi giacimenti di Ragnite, un materiale molto utilizzato per far muovere i carri armati e molte altre cose. Alicia fa parte della milizia volontaria di Bhrul, un piccolo paesino, e qui conosce Welkin, figlio di un eroe della guerra precedente. Poco dopo il loro incontro, Bhrul viene attaccato dall’Impero e i due, dopo aver opposto un minimo di resistenza per fare evacuare il paese, scappano a bordo dell’Edelweiss: un carro armato che era nel garage della casa di Welkin e mantenuto in perfetto stato da Isara, sorella adottiva dello stesso. Tutti e tre si uniranno poi alla milizia della Gallia e, con la loro nuova squadra, vinceranno varie battaglie dove daranno tra l’altro un bello smacco alle forze regolari dell’esercito guidate dall’arrogante Generale Damon. L’Impero però, viste le sconfitte, schiera sul campo la Valkyria: una guerriera che discende da un popolo antico e quasi del tutto estinto. Questa è capace, armata di lancia e scudo, di tenere testa a interi plotoni di soldati e carriarmati, rovesciando così le sorti della guerra. Adesso mi fermo qui senno diventa davvero un po’ troppo spoiler.

valkyria-chronicles-squa7-females

 

Mi è piaciuta la realizzazione dell’anime e rivedere tutti i personaggi che ho usato. Ho fatto una lunga pausa a metà serie prima di finirlo perché mi era venuto un po’ a noia, forse perché la trama la conoscevo già. Una persona che lo guarda senza conoscere nulla del videogioco secondo me si perde un po’ quel mix di tecnologia arretrata e moderna mischiate assieme, con un pizzico di magia e mistero. L’anime perde anche un po’ mordente sul fattore della guerra, insomma sembra una cosa molto di contorno e non una reale minaccia o urgenza… Ha puntato un po’ troppo sul comparto romance secondo me, risultando a volte un po’ noioso. Mi sarei aspettato di vedere le battaglie in modo più approfondito, come quelle del videogioco. Altra cosa che non mi è piaciuta molto è la scarsissima caratterizzazione dei personaggi. Insomma, li ho trovati più caratterizzati nel videogioco usandoli solo per combattere che nell’anime in cui gli è relegata qualche battuta a caso ogni tanto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...